G. FUMAGALLI

La G. Fumagalli s.n.c. nasce ufficialmente nel 1991 proseguendo con la sua piccola realtà operativa nel Comune di Brugherio in provincia di Monza e Brianza.

Il fondatore Graziano, dopo aver sviluppato una ventennale esperienza nell'azienda artigiana paterna impegnata nella produzione di serramenti in legno, fa tesoro della citazione "il futuro è nella plastica" tratta dal celebre film "Il Laureato" e, dall'inizio degli anni '70 socio nella P. & G. Fumagalli incomincia la produzione di complementi in pvc per l'abbellimento di giardini e terrazzi.

L'azienda con competenza, tecnologia e professionalità diventa ben presto leader nazionale nella produzione di grigliati estensibili per i rampicanti, un punto di riferimento nel panorama nazionale del giardinaggio.

Successivamente, dall'inizio degli anni '90, l'imprenditore prosegue la sua attività con i figli, Dino e Gabriella, che seguono il vulcanico genitore nella nuova conduzione.

L'attività viene ben presto orientata verso una maggiore intensificazione del riciclo del pvc ed al suo impiego nella produzione di profili e trafilati termoplastici coestrusi con idee e soluzioni innovative nel settore dell' arredo urbano, oltre che nell'estrusione di profili conto terzi, nel campo del packaging e dell'industria degli accumulatori.

La nostra mission? Creare prodotti in pvc riciclato che con la loro robustezza, resistenza e qualità, contribuiscano al risparmio delle risorse naturali, umane ed economiche.

"Il futuro è nella plastica": ricicliamola!


Che cos’è il PVC?

Il PVC (polivinilcloruro) è un materiale plastico composto per il 43% da etilene proveniente da petrolio e per il 57 % da materiale rinnovabile, il comune sale da cucina.Trova spazio in molte applicazioni ed è una delle materie plastiche più diffuse e utilizzate al mondo in settori che vanno dall’edilizia all’imballaggio alimentare e farmaceutico, dalla produzione di presidi medico-chirurgici alla cartotecnica e alla moda.Ha una lunga durata, un buon rapporto qualità-prezzo ed un basso impatto ambientale, è impermeabile ai liquidi, ai gas ed ai vapori, è un materiale stabile ed inerte, resistente alle intemperie ed autoestinguente.

Il PVC può essere prodotto in sospensione o in emulsione.

Vengono impiegate diverse tipologie di additivi:

  • stabilizzanti che impediscono l’invecchiamento e la degradazione termica del prodotto

  • plastificanti per conferire al prodotto flessibilità ed elasticità

  • lubrificanti per facilitare la lavorazione della mescola nelle macchine trasformatrici o per conferire ai corrispondenti manufatti particolari caratteristiche, ad esempio la resistenza alla luce e all’atmosfera

  • pigmenti per colorare


Come viene riciclato?

Il riciclo avviene per tre canali principali:

  • riciclaggio meccanico – producendo nuovi prodotti usandone dei vecchi

  • riciclo a materie prime – recupero dei prodotti chimici di base come l’acido cloridrico

  • messa a discarica – per prodotti/manufatti non riciclabili ed i residui di riciclaggio ed operazioni di recupero

La ns. Società ha partecipato al progetto avviato dall’industria del pvc nell’ambito del piano decennale si sostenibilità ambientale Vinyl 2010, diventando socio Recovinylche si è occupata di promuovere, sostenere e finanziare iniziative volte al recupero di pvc, assicurando così una fornitura costante di resina di provenienza post-consumo all'industria europea del riciclo.


Con che cosa facciamo i nostri arredi?

La scelta della ns. Società è stata quella del riciclo meccanico: i materiali riciclati nel corso di questi anni sono stati diversi.

  • il pvc viene separato da altri materiali (legno, ferro, gomma)

  • gli scarti vengono ridotti in piccoli pezzi con mulini macinatori

  • i piccoli pezzi vengono estrusi, se necessario, con pvc di materia prima


Come avviene l’estrusione?

Il pvc ridotto in piccoli pezzettini, viene convogliato, tramite un contenitore con forma ad imbuto, all’interno del corpo principale della macchina detta trafila o estrusore, costituito da un cilindro entro il quale ruota una vite senza fine. Nella lavorazione, la mescola di PVC è immessa nella tramoggia del cilindro, ove viene progressivamente riscaldata fino a fondere, anche per effetto del lavoro meccanico della vite stessa che, ruotando la omogeneizza e la trasporta, sospingendola verso il foro d'uscita. Questo, detto filiera o matrice, è sagomato secondo il profilo che si vuol dare al manufatto: può essere quindi a sezione piatta per la produzione di film o di laminati, a sezione di corona circolare per la produzione di tubi o film tubolari, a sezione elaborata per la produzione di profilati. Nella co-estrusione, il pvc riciclato viene estruso in contemporanea con il pvc di materia prima che ricopre il profilo, per rendere più omogeneo il colore e offrire una maggiore resistenza agli agenti atmosferici.

All'uscita della filiera il prodotto viene raffreddato in modo che assuma definitivamente la forma voluta. Successivamente si procede all’assemblaggio manuale dei vari profili.


ARREDO URBANO - ARREDO GIARDINI E TERRAZZI - PROFILI E TAPPARELLE IN PVC - CURIOSITÀ


Via Dante Alighieri, 62

Brugherio (MB)

Tel. 039 2871444 - Fax 039 2872974

E-mail: gabriella.fumagalli1@tin.it

www.arredourbanoriciclato.it



0 commenti